La lucrativa sponsorizzazione della camicia di Everton è stata oggetto di un accordo con SportPesa che si è rotto prima

Uno dei due club di Premier League di casa dei Beatles, l’Everton Football Club, ha annunciato che terminerà il suo accordo di sponsorizzazione della maglia con la società di scommesse keniota SportPesa alla fine della stagione in corso. L’operatore africano di scommesse sportive ha anche accettato di terminare l’accordo in anticipo.

L’accordo con SportPesa

L’accordo firmato nel 2017 era per 48 milioni di sterline in cinque anni, o 9,6 milioni di sterline all’anno, e doveva funzionare fino alla fine della stagione 2021-2022. Tuttavia, dopo una revisione completa della strategia commerciale del club, in linea con la sua visione e piani di crescita futura, Everton ha deciso di tagliare i legami con SportPesa e iniziare a cercare un nuovo sponsor di maglia.

Non sono state rilasciate ulteriori informazioni sulle ragioni della decisione e se è collegata a un recente scandalo che circonda la società di scommesse sportive.

SportPesa, l’operatore di scommesse sportive con sede in Kenya, è stato recentemente coinvolto in un tumulto interno dopo che una decisione controversa del parlamento del paese di imporre un’accisa del 20% su tutte le scommesse, un aumento del 100%, ha costretto la società a chiudere le sue operazioni in Kenya e a ridurre la sua forza lavoro di 453 dipendenti.

I club della Premier League fanno affidamento sul denaro delle scommesse sportive

L’Everton FC è uno dei 10 club della Premier League che hanno società di scommesse sportive come sponsor di maglia, che hanno guadagnato un totale di 69 milioni di sterline nella stagione in corso.

Questi club della Premier League sono consapevoli delle sensibilità che circondano la relazione tra il calcio e le scommesse e certamente preferirebbero fare accordi di maglia con aziende che non sono scommettitori, ma i club sentono di non avere altra scelta che accettare la migliore offerta dalle società di scommesse per evitare di essere svantaggiati dai loro rivali, con una fonte non nominata del club che sostiene che la prossima migliore offerta era due volte più bassa dei 7 milioni di sterline che ricevevano ogni anno.

Il governo britannico dovrebbe rafforzare la regolamentazione

A gennaio, un rapporto del Times sosteneva che i ministri del governo britannico erano determinati a rivedere il Gambling Act 2005, con la possibilità reale di inasprire le restrizioni sul marchio delle società di scommesse che appaiono sulle maglie delle squadre di calcio, con persino un possibile divieto generale sul tavolo.

La possibilità di un divieto generale ha spronato l’industria delle scommesse ad agire, con alcuni rapporti che affermano che i bookmakers stavano considerando un divieto volontario sulla sponsorizzazione delle maglie da calcio e sulla pubblicità sul campo, per estendere il divieto sulla pubblicità del gioco d’azzardo in TV introdotto lo scorso anno.

GVC, la società madre di Ladbrokes e Coral, ha già ritirato la sua sponsorizzazione del calcio, invitando altri operatori di scommesse sportive a seguire il suo esempio in una mossa più ampia del settore.

La decisione dell’Everton FC di tagliare i legami con SportPesa era un’attesa azione di irrigidimento, con altri club da seguire mentre rivedono i loro accordi di sponsorizzazione delle maglie, o era puramente per ragioni finanziarie?